fbpx

FINALITÀ

DOTAZIONE COMPLESSIVA: € 12.000.000

Il bando mira a raccogliere proposte per la realizzazione di investimenti strategici ad elevato impatto occupazionale, che comprendano, prioritariamente, attività di ricerca industriale e di sviluppo sperimentale finalizzati a sviluppare e diffondere significativi avanzamenti tecnologici per il sistema produttivo e alla realizzazione di nuovi risultati di rilevanza tecnologica e industriale, di interesse per le filiere produttive regionali.

Nello specifico gli obiettivi del bando sono:

Accrescere la competitività delle filiere e dell’intero sistema produttivo regionale rafforzandone la capacità innovativa;
Integrarsi col sistema regionale della ricerca e della formazione avanzata, contribuendo al suo miglioramento;
Produrre significativi effetti occupazionali diretti e indiretti, a livello quantitativo e qualitativo, nonché positive ricadute sul territorio in termini di impatto economico, di sostenibilità ambientale e sociale;
Attivare dinamiche di sviluppo economico territoriale in aree della regione caratterizzate da maggiori difficoltà strutturali, attraverso investimenti innovativi e in grado di incrementare la dotazione tecnologica del territorio.

INTERVENTI AMMISSIBILI

Il programma di investimento, da realizzarsi in Emilia-Romagna, deve prevedere esiti che comportino un impatto positivo per la competitività del sistema economico regionale e un incremento occupazionale. Saranno eleggibili per il cofinanziamento uno o più progetti, secondo le seguenti tipologie:

Interventi finalizzati alla creazione di un’infrastruttura di ricerca;
Interventi di Ricerca Industriale e Sviluppo Sperimentale (l’ammissibilità di almeno un intervento di questa categoria è requisito necessario per accedere alle agevolazioni previste dal bando);
Nuovi interventi di investimento produttivo delle PMI sul territorio regionale (compresi i servizi di consulenza) e delle grandi imprese solo nelle aree assistite;
Interventi di investimento nella tutela dell’ambiente finalizzati all’efficienza energetica, alla cogenerazione, alla produzione di energia da fonti rinnovabili e al riciclo e il riutilizzo dei rifiuti;
Interventi di formazione connessi, correlati e definiti in funzione dei fabbisogni di competenze in esito agli interventi sopra elencati e aiuti all’assunzione di lavoratori svantaggiati e all’occupazione dei lavoratori disabili.
Il programma di investimento deve completarsi entro il 31 dicembre 2022.

CHI PUÒ PARTECIPARE

Possono presentare la domanda di partecipazione al bando le imprese che esercitano attività diretta alla produzione di beni e di servizi:

Già presenti con almeno una unità locale in Emilia-Romagna che intendono realizzare investimenti addizionali;
Non ancora attive in Emilia-Romagna ma che intendono investire sul territorio regionale e il cui programma di investimento ricomprende uno o più interventi tra quelli elencati.

ENTITÀ DEL CONTRIBUTO

La dotazione finanziaria complessiva è di 12.000.000 Euro, suddivisa per le due annualità 2021 e 2022.

Dotazione finanziaria per il 2021: 4.000.000 Eurodi cui3.500.000riservati alla categoria b)Interventi di Ricerca Industriale e Sviluppo Sperimentale

Dotazione finanziaria per il 2022: 8.000.000 Euro

I contributi massimi sono calcolati come segue:

1.000.000 Euro per proposte di investimento con impatto occupazionale compreso tra 20 e 49 dipendenti addizionali (di cui almeno il 30% laureati);
2.000.000 Euro per proposte di investimento con impatto occupazionale compreso tra 50 e 69 dipendenti addizionali (di cui almeno il 30% laureati);
4.000.000 Euro per proposte di investimento con impatto occupazionale compreso tra 70 e 149 dipendenti addizionali (di cui almeno il 30% laureati);
7.000.000 Euro per proposte di investimento con impatto occupazionale superiore ai 150 dipendenti addizionali;

CONSIGLI DEGLI ESPERTI

Per avere un’idea precisa delle quote di finanziamento per singola tipologia di azione si consiglia di visionare pag. 39-40 de bando.

Attenzione:Il bando stabilisce che possono presentare domanda di finanziamento sia le imprese con sede legale o unità locale già presente sul territorio nazionale sia imprese non aventi sede legale nel territorio nazionale.Tuttavia, in quest’ultimo caso, l’impresa partecipante deve avere una personalità giuridica riconosciuta nello Stato di provenienza come risultante dall’omologo registro delle imprese (in caso di documentazione in lingua straniera diversa dall’inglese, dovrà essere prodotta una traduzione giurata della stessa in lingua italiana). Per tale soggetto, inoltre, deve essere dimostrata la disponibilità di almeno una unità locale attiva sul territorio dell’Emilia-Romagna al momento della sottoscrizione dell’Accordo, quindi non oltre i 90 giorni dalla data di comunicazione di avvenuta concessione del contributo.

Si fa presente che il fattore occupazionale è fondamentale ai fini del bando, si consiglia pertanto di dargli il giusto peso nella fase di preparazione della proposta progettuale.

Attenzione: nel caso in cui nei 5 anni successivi al completamento del Programma, il beneficiario, per un periodo superiore a 18 mesi continuativi, abbia livelli occupazionali inferiori a quelli previsti nell’Accordo, con uno scostamento superiore al 50%, il contributo verrà revocato totalmente.

Share This
Avvia la chat